Via Andrea Bafile, 5 / 00195 Roma (RM)
+39 06.51.49.924 - 328.15.75.673

Obbligo di quarantena domiciliare per violazione delle misure restrittive della libera circolazione in Campania

Covid-19 – Campania – Misure restrittive della libera circolazione – Ordinanza del Presidente della Giunta regionale n. 15 del 2020 – Violazione – Obbligo di quarantena domiciliare di 14 giorni – Senza giustificato motivo – Non va sospesa.


Deve essere respinta la richiesta di misure cautelari avanzata da un giornalista contro l’obbligo di quarantena domiciliare di 14 giorni disposto nei suoi confronti dall’Asl Napoli 1, in applicazione dell’ordinanza del Presidente della Giunta regionale n. 15 del 13 marzo 2020 in tema di misure di contenimento COVID-19 qualora non risultino disconosciute le inottemperanze alla prescrizione di cui al punto n. 1 dell’Ordinanza del Presidente della Regione Campania n. 15 del 13 marzo 2020 né risulta asserita la sussistenza di alcuna delle cause giustificative di esclusione dal disposto obbligo di “rimanere nelle proprie abitazioni” ivi previste (1).

(1) Ha chiarito il decreto che l’applicazione della domiciliazione fiduciaria, misura fissata in relazione a determinate evenienze ad esito di specifiche valutazioni proprie del particolare settore medico di riferimento, segue anche precauzionalmente al fatto in sè, comunque e da qualunque autorità riscontrato, non potendosi ritenere che un tale effetto segua unicamente ad accertamenti provenienti dalle forze dell’ordine. Ha aggiunto che l’ordinanza del Presidente della Giunta regionale n. 15 del 13 marzo 2020 richiama plurime disposizioni legislative che fondano la base legale del potere di adozione di misure correlate a situazioni regionalmente localizzate, il che esclude ogni possibile contrasto di dette misure con quelle predisposte per l’intero territorio nazionale.

Tar Napoli, sez. V, dec., 24 marzo 2020, n. 471

Post Correlati

Commenta

WhatsApp chat