Imposta di registro

  • di meiiservizi
  • 2 mesi fa
  • 0
Categories: Atti, Bene immobile, Casa, Contratti, Contratto di affitto, Contratto di locazione, Immobile, Imposta registro, Registrazione contratto

L’imposta sulla registrazione degli atti è disciplinata dal Dpr n. 131/1986 (Testo Unico dell’imposta di registro). Ha il duplice scopo di fornire un’entrata fiscale e di remunerare lo Stato per il servizio che offre ai privati (conservare traccia di particolari atti in modo da conferire loro certezza giuridica).

In quali casi va chiesta la registrazione di un atto

In generale devono essere registrati:

  • gli atti formati per iscritto nel territorio dello Stato
  • gli atti formati all’estero, che comportano trasferimento della proprietà o costituzione/trasferimento di altri diritti reali, anche di garanzia, su beni immobili o aziende esistenti in Italia, nonché quelli che hanno per oggetto la locazione o l’affitto degli stessi
  • i contratti verbali di locazione o affitto di beni immobili esistenti in Italia (e relative cessioni, risoluzioni e proroghe anche tacite)
  • i contratti di trasferimento e affitto di aziende esistenti nel territorio dello Stato e di costituzione/ trasferimento di diritti reali di godimento sulle stesse (e relative cessioni, risoluzioni e proroghe anche tacite).

Fonte: Agenzia delle Entrate

Tags: Affitto, Casa, Contratto, Immobile, Imposta registro, Locazione

Partecipa alla discussione

Compare listings

Confrontare